Menu

Software CAD specializzato per la produzione

Creazione, integrazione e modifica di modelli di superficie CAD


Nei processi CAD/CAM, i componenti vengono descritti virtualmente in forma di modelli CAD. A seconda del modo in cui vengono elaborati nei sistemi CAD di origine e delle loro caratteristiche matematiche, si tende spesso a distinguere tra

  • modelli di superficie, costituiti principalmente da geometrie a forma libera, e
  • modelli solidi, costituiti principalmente da geometrie regolari.

Il modello CAD rappresenta sempre il template di riferimento per il componente reale da produrre. I componenti CAD del software Tebis offrono una serie di pacchetti di funzioni studiati per facilitare la progettazione orientata alla produzione dei diversi settori, tra cui:

  • La creazione originaria di superfici a forma libera CAD, eseguita combinando punti, curve e superfici nello spazio 3D con geometrie regolari
  • Il reverse engineering, che in base alla scansione di componenti reali permette di generarne una copia CAD virtuale e di aggiornarla in seguito a modifiche manuali
  • L’elaborazione di modelli CAD già esistenti per prepararli alla produzione CNC con frese, torni, macchine di taglio laser e altri sistemi di produzione
  • La derivazione della geometria specifica degli elettrodi nella produzione di stampi plastica a partire dal componente da realizzare
  • La creazione della geometria specifica delle superfici attive nella produzione degli stampi lamiera
  • La compensazione degli effetti di ritorno elastico della lamiera nella produzione di stampi
  • L’ottimizzazione qualitativa dei modelli di superficie esistenti

All’inizio del 2019, il software CAD Tebis sarà arricchito di funzioni efficienti per la gestione dei modelli solidi. Inoltre, le funzioni di progettazione di Tebis saranno disponibili in versione parametrica, rendendo possibili nuove possibilità d’impiego e una gestione più semplice per progettisti e programmatori CNC.

Superfici a forma libera

Le superfici a forma libera uniscono punti e curve nello spazio 3D, formando una topologia che descrive la superficie del componente. I fattori determinanti per la qualità del modello di superficie sono il grado polinomiale matematico, il numero di segmenti, i gap e le transizioni tra una superficie e l’altra.

Reverse engineering

La tecnica del

reverse engineering è utile in tutte le situazioni in cui viene eseguita una lavorazione manuale su un oggetto reale e occorre creare un modello CAD per le fasi successive del processo. Nella produzione di modelli, è possibile scansionare i veicoli e gli oggetti di design modellati in argilla e convertire i dati così acquisiti in superfici CAD. Nella produzione di stampi, si possono scansionare le variazioni manuali apportate in fase di tryout alle superfici di stampaggio e usare i dati risultanti per aggiornare il modello CAD esistente.

Preparazione alla produzione

Quanto meglio si riesce a preparare un modello CAD per la produzione CNC, tanto meno laboriosa risulterà la fase di programmazione CNC – in molti casi, la programmazione in Tebis potrà svolgersi in modo completamente automatico.

Costruzione di elettrodi

Nella produzione di stampi plastica, gli elettrodi sono necessari quando occorre lavorare alcune aree particolari dello stampo, ad esempio cave, rientranze a spigoli vivi e superfici speciali, su macchine per elettroerosione. Nella progettazione degli elettrodi si tiene conto della geometria del componente, del supporto dell’elettrodo e dei grezzi disponibili in commercio.

Progettazione di superfici attive

Le superfici attive sono le parti dello stampo che entrano a contatto diretto con la lamiera. Queste superfici sono presenti in tutti i componenti degli stampi lamiera: matrici, punzoni, premilamiera e parti di piccole dimensioni usate per le operazioni di tranciatura e piegatura dello stampo.
Se nella progettazione delle superfici attive, e in particolare nei dati CAD usati per gli stampi, si tiene conto sia dello spessore della lamiera, sia degli effetti di assottigliamento e delle spoglie, il risultato è un enorme risparmio di tempo nella programmazione CNC, nella lavorazione a bordo macchina e nella fase di tryout.

Compensazione del ritorno elastico

Dopo la deformazione delle lamiere, le caratteristiche del materiale ne causano un ritorno elastico. In genere si cerca di compensare questo effetto nello stampo: il pezzo viene inizialmente realizzato con una geometria “sbagliata” per poi arrivare, grazie all'azione del ritorno elastico, alla forma desiderata. La compensazione meccanica ottenuta attraverso la lucidatura dello stampo richiede tuttavia tempi molto lunghi, mentre la tecnologia di morphing globale delle superfici CAD consente di arrivare molto più velocemente alla geometria desiderata.

Ottimizzazione delle superfici

I criteri di valutazione principali per le superfici a forma libera CAD comprendono, oltre all’omogeneità della curvatura, anche i gap e le sovrapposizioni tra le singole superfici, il grado polinomiale, il numero di segmenti e il layout delle superfici nell'assieme. Per migliorare l’elaborazione dei dati CAD nelle successive fasi di progettazione e produzione, così come il loro trasferimento in altri sistemi CAD, Tebis permette di eseguire un processo di ottimizzazione automatica o manuale fino a ottenere le superfici di Classe A desiderate.



Siete interessati al software CAD e vorreste essere contattati? Fate clic qui

                        

 

Iscriviti alla newsletter di Tebis e tieniti aggiornato sulle ultime novità.

Registrati a seminari e corsi di formazione

Migliore utilizzo del potenziale, accelerazione dei risultati

  • Interfaccia diretta per CATIA V5

    Componenti aggiuntivi CAD  (Vai alla richiesta) Altre informazioni


  • Installazione e configurazione

    Componenti aggiuntivi CAM  (Vai alla richiesta) Altre informazioni