Title

Description

    La precisione è fondamentale

    Cos’hanno in comune un moderno produttore di stampi e una manifattura di gioielli nata agli inizi del XX secolo? La risposta a questa domanda si trova nella storia della GEDIA Gebrüder Dingerkus GmbH, azienda tedesca con sede ad Attendorn (Sauerland).

    Società

    GEDIA Gebrüder Dingerkus GmbH

    Luogo

    Attendorn, Sauerland, Germania

    Focus

    Gruppi e parti strutturali per carrozzerie leggere e componenti di telai per il settore automobilistico

    Vantaggi
    • Controllo preciso delle collisioni con le tecnologie di simulazione Tebis
    • Automazione con i template di Tebis
    • Notevole riduzione dei tempi di produzione grazie a una catena di processo integrata
    Settore

    Produzione di stampi lamiera

    Attività principale

    2019

    Per azzerare le collisioni ed evitare laboriosi controlli dopo il post processamento, avevamo bisogno di una rappresentazione assolutamente precisa del modello della macchina e degli utensili nel mondo virtuale. Solo Tebis ci permetteva di farlo.

    GEDIA Gebrüder Dingerkus GmbH, Attendorn, Sauerland, Germania

    L’esigenza imprescindibile di un controllo affidabile delle collisioni

    La precisione è un’esigenza irrinunciabile: per poter controllare a livello millimetrico i rischi di collisione nelle aree di fresatura critiche o nei componenti con cavità profonde, è necessario avere la possibilità di riprodurre fedelmente l’ambiente di produzione reale nel mondo CAD/CAM virtuale – un requisito che il sistema CAM utilizzato da GEDIA fino al 2016 non riusciva a soddisfare. “Le difficoltà partivano già dall’utensile di fresatura, perché non potevamo simularlo con precisione”, dichiara Ralf Hesener, responsabile della progettazione utensili. “Anche il modello della macchina era tutt’altro che preciso, per non parlare della cinematica”. “Questo rendeva i controlli di collisione estremamente laboriosi”, aggiunge Carsten Wurm, team leader nella programmazione CAM: “A volte venivano segnalate collisioni che in realtà non esistevano. In breve, non potevamo fidarci dei dati e dovevamo controllarli due volte – prima sulla postazione CAM e poi sulla macchina”. La decisione di acquistare una macchina con cambio pallet rese inevitabile l’adozione di un nuovo sistema CAM, perché a quel punto il controllo di collisione avrebbe dovuto funzionare senza problemi anche nel cambio di utensili tra due programmi CNC.

    Hermann Geueke, responsabile delle lavorazioni meccaniche; Carsten Wurm, team leader della programmazione CAM; Ralf Hesener, responsabile della progettazione utensili (da sinistra a destra).

    La formula vincente di Tebis

    Il simulatore CNC di Tebis controlla l’intero ambiente di produzione, con tutti i suoi componenti, in modo assolutamente affidabile.

    Il software CAD/CAM di Tebis è stato prima confrontato con il sistema precedente. Con un risultato inequivocabile: il simulatore CNC Tebis offre la certezza di generare programmi CNC completamente privi di collisioni. Questo è possibile grazie alle librerie digitali di processi, utensili e macchine, in cui sono memorizzati in forma virtuale e fin nei minimi dettagli tutti i componenti che il simulatore CNC tiene in considerazione per la verifica. Hermann Geueke, responsabile delle lavorazioni meccaniche, riassume così l’esigenza e il risultato: “Per azzerare le collisioni ed evitare laboriosi controlli dopo il post processamento, avevamo bisogno di una rappresentazione assolutamente precisa del modello della macchina e degli utensili nel mondo virtuale. Solo Tebis ci permetteva di farlo”.

    Qui potete trovare ulteriori informazioni sulle tecniche di simulazione a Tebis

    Automazione con i template di Tebis

    Oltre alla simulazione estremamente precisa, GEDIA evidenzia un altro vantaggio importante di Tebis: la tecnologia dei template, che consente un’ampia automazione della programmazione CNC. Anche in questo caso, gli altri sistemi non potevano competere. GEDIA produce principalmente pezzi unici e deve gestire una molteplicità di varianti. Nella lavorazione dei fori profondi, ad esempio, Tebis riconosce automaticamente i fori trasversali. Con l’uso dei template appropriati, la successiva programmazione CNC risulta notevolmente semplificata ed è possibile calcolare in anticipo e con precisione tempi di lavorazione effettivi. Wurm lo considera un vantaggio determinante: “Grazie al calcolo esatto dei tempi macchina di Tebis possiamo cambiare gli utensili gemelli in modo completamente automatico durante la produzione. E questo si traduce in un enorme risparmio di tempo”.

    La tecnologia dei template di Tebis permette di automatizzare una buona parte della programmazione CNC.

    Risultati rapidi con l’implementazione di Tebis

    L’operatore al controllo macchina accede direttamente a tutti i dati rilevanti per la produzione sul Viewer Tebis e, all’occorrenza, adatta i parametri tecnologici.

    L’azienda è partita con l’acquisto di quattro licenze nel 2016, a cui ne ha aggiunte altre tre nel 2018. Ma l’acquisto delle licenze non era sufficiente. Per poter rendere pienamente operativo il nuovo software in tempi brevi e riuscire a utilizzare in modo ottimale le librerie di processo e i template, GEDIA si è fatta assistere dagli specialisti di Tebis per la fase di implementazione. Dopo appena 12 mesi il nuovo sistema era completamente integrato, e da allora in poi le attività di programmazione sono state eseguite esclusivamente con Tebis. Il processo copre tutti i passaggi fino all’officina, dove sei postazioni Viewer permettono agli operatori di accedere direttamente a tutti i dati necessari e di richiamare ed elaborare le funzioni CNC. Tutti gli utensili sono memorizzati in un proprio elenco con tutti i parametri tecnologici corrispondenti. Rispetto al passato, i chiarimenti richiesti tra un passaggio e l’altro sono nettamente diminuiti e l’intera produzione si è velocizzata. “In passato, un’ora di programmazione CAM equivaleva a circa due ore e mezza di fresatura, mentre oggi il rapporto ha superato le tre ore”, spiega Hermann Geueke, responsabile delle lavorazioni meccaniche. “Questo significa che possiamo produrre un maggior numero di pezzi a parità di tempo. E di conseguenza, possiamo liberare più velocemente le capacità disponibili e accettare sempre più ordini”. GEDIA si avvale di sei programmatori CAM su Tebis e di due fornitori di servizi esterni. Le sei macchine vengono usate da 18 collaboratori su tre turni di lavoro. Le attività non si fermano neppure nei fine settimana – perché Tebis supporta anche la produzione non presidiata. Per il futuro, l’obiettivo è quello di abilitare l’utilizzo simultaneo di più macchine e la pallettizzazione automatica con sistemi di serraggio a punto zero.

    Verso una strategia a sistema singolo

    GEDIA ha in programma ulteriori progetti. Insieme a Tebis Consulting, ha analizzato attentamente l’insieme dei processi e verificato il grado di standardizzazione. Il passo iniziale è stato un workshop con tutti i responsabili, che ha permesso di acquisire un quadro completo delle operazioni dei diversi reparti e di definire una base di conoscenze unificata. L’azienda sta valutando anche la soluzione MES ProLeiS di Tebis, che in futuro permetterà di pianificare e controllare in modo digitale gli ordini e la produzione. Inoltre, per ridurre i tempi di preparazione e tryout, GEDIA sta attualmente testando le tecnologie BREP di Tebis, che permettono di progettare superfici premilamiera e scarichi direttamente nel modello CAD. Un ulteriore progetto è quello di espandere la formula di successo della collaborazione GEDIA-Tebis: la filiale spagnola di Barcellona sta già operando in questo senso a stretto contatto con Tebis Iberia.

    Der Werkzeugbauer GEDIA blickt auf eine Geschichte von über 100 Jahren zurück. Als die Brüder Anselm und Ferdinand Dingerkus die Firma Gebrüder Dingerkus 1910 gründeten, stellten sie zunächst Bijouteriewaren her und erweiterten ihr Portfolio im Laufe der Zeit um Blechhohlgriffe, Emaille-Geschirre und Kunststoffgriffe. Mitte der 50er Jahre schließlich verlagerte sich der Schwerpunkt zunehmend in Richtung Werkzeugbau: Seit 1955 werden Press-, Stanz- und Ziehteile gefertigt. Heute entwickelt und produziert GEDIA hauptsächlich Strukturteile und Zusammenbauten für den automobilen Karosserieleichtbau und für Chassis-Komponenten. Zum Kundenkreis gehören 15 internationale OEM´s. Gleich, ob es sich um Bijouteriewaren handelte oder um Teile für die heute heißumkämpfte Automobilbranche geht: Seinem hohem Anspruch an Präzision und Maßarbeit ist das Unternehmen von Beginn an treu geblieben. Es sind diese Qualitätsmerkmale, die den Werdegang der GEDIA Automotive Group – die mit weltweit 4.200 Beschäftigten immer noch zu 100 Prozent in Familienhand ist – entscheidend geprägt haben und einen Großteil ihres Erfolgs ausmachen. In Deutschland arbeiten im Werkzeugbau derzeit 112 Mitarbeiter.