Title

Description

    Reverse engineering per l’allineamento del mondo CAD al mondo reale

    Creazione e aggiornamento delle superfici CAD sulla base di dati di scansione

    Il reverse engineering permette di creare un modello di superficie CAD che rappresenta con la massima precisione un oggetto scansionato. La tecnica del reverse engineering è utile in tutte le situazioni in cui viene eseguita una lavorazione manuale su un oggetto reale e occorre creare un modello CAD per le fasi successive del processo.

    Nella produzione di modelli, è possibile scansionare i veicoli e gli oggetti di design modellati in argilla e convertire i dati così acquisiti in superfici CAD.

    Nella produzione di stampi, si possono scansionare le variazioni manuali apportate in fase di tryout alle superfici di stampaggio e usare i dati risultanti per aggiornare il modello CAD esistente. Inoltre, è spesso necessario creare superfici CAD per stampi che ancora non esistono in formato digitale. 

    Gli oggetti modellati o modificati manualmente vengono scansionati e quindi importati in Tebis.
    I dati di scansione vengono convertiti in mesh (reticoli blu). Su questa base, il reverse engineering permette di creare un modello di superficie CAD di alta qualità perfettamente utilizzabile per la progettazione.
    Creazione rapida di dati CAD aggiornati
    Creazione rapida delle superfici e acquisizione veloce delle modifiche
    Qualità ottimale delle superfici CAD
    Disponibilità immediata delle superfici CAD per i processi successivi
    Reverse engineering e progettazione delle superfici in un unico sistema
    Massima flessibilità per i progettisti

    Come funziona

    Progettazione e reverse engineering delle superfici in un unico software

    Usando un unico file CAD, il progettista può analizzare e ottimizzare la qualità dei dati di scansione, creare un wireframe e quindi generare il modello di superficie. Le superfici ottenute con il reverse engineering possono essere integrate in fase di progettazione usando le funzioni disponibili per la modellazione di curve e superfici. La tecnologia Tebis permette di realizzare velocemente le superfici di forma libera desiderate - comprese le superfici di Classe A.

     

    Il video mostra un’applicazione relativa alla produzione di stampi lamiera: non servono conoscenze particolari per creare dati di progettazione CAD dalle parti in lamiera scansionate.
    Il video mostra quanto sia semplice tracciare le strutture delle superfici sui dati di scansione della parte in lamiera e quanto velocemente si possano convertire quei dati in un modello con superfici di forma libera a tangenzialità costante.

    Qui sotto sono elencati i passaggi con cui è possibile creare superfici CAD di alta qualità con la tecnica del reverse engineering:

    • Importazione di dati STL
    • Analisi ed elaborazione dei dati delle mesh
    • Creazione di un modello wireframe con i dati della mesh
    • Creazione di singole superfici nel modello wireframe
    • Analisi delle superfici
    • Ottimizzazione delle superfici
    • Progettazione del componente

    Massima contiguità con la mesh

    Progettazione intuitiva con wireframe e modelli di superficie

    Grazie a funzioni di disegno semiautomatiche e interattive è possibile, partendo da un oggetto scansionato (mesh), creare un modello wireframe intelligente in cui è possibile controllare automaticamente il grado e la segmentazione delle superfici e la qualità delle loro transizioni. Usando il modello wireframe è così possibile stabilire il layout delle superfici e la qualità delle transizioni con le superfici adiacenti. Tebis calcola il modello di superficie sulla base del wireframe e delle mesh in modo completamente automatico. Specificando le tolleranze, l’utente ha la possibilità di stabilire il grado di “aderenza” del modello wireframe e delle superfici ai dati di scansione.

    Per la produzione del modello wireframe sono disponibili pratiche funzioni sviluppate appositamente per consentire il lavoro sulle mesh salvate.

    Nella produzione di stampi lamiera e stampi plastica

    In caso di modifiche e in mancanza dei dati degli stampi

    Reverse engineering nella produzione di stampi lamiera
    Reverse engineering nella produzione di stampi plastica

    Con la funzione di reverse engineering di Tebis è possibile creare velocemente copie virtuali di stampi per presse o per macchine di stampaggio a iniezione tenendo conto anche dei dati CAD già esistenti. Di seguito sono elencati alcuni casi in cui il reverse engineering si dimostra estremamente utile e consente un enorme risparmio di tempo:

    • Riproduzione delle modifiche manuali apportate a uno stampo in fase di tryout in un modello CAD già esistente, per continuare il lavoro su una geometria aggiornata e fedele al modello reale
    • Scansione di una lamiera imbutita e preparazione del modello di superficie risultante per le operazioni successive (tranciatura) e per le attrezzature
    • Creazione di superfici sulla base di mesh FEM ricavate da sistemi di simulazione
    • Produzione di un secondo set di stampi, ad esempio per altre sedi di produzione
    • Riparazione degli stampi in caso di rottura

    Aggiornamento delle superfici CAD dopo modifiche manuali in fase di tryout

    Nella fase di tryout è frequente che gli stampi subiscano alcune modifiche manuali. Questo fa sì che il modello CAD non sia più completamente valido. Con il reverse engineering, le modifiche apportate manualmente possono essere scansionate e trasferite facilmente al file del modello CAD. Questo comporta un enorme risparmio di tempo per l’ottimizzazione successiva dello stampo e per la creazione di duplicati.

    Il video mostra come l’area modificata di questa lamiera di rinforzo venga acquisita nel modello CAD.
    Tebis confronta le superfici CAD con i dati di scansione per rilevare le modifiche apportate manualmente. Il modello CAD può essere aggiornato facilmente in pochi minuti.

    Reverse engineering basato su dati di simulazione

    Come base di partenza per il reverse engineering è anche possibile utilizzare i dati delle mesh ricavate dalla simulazione dello stampaggio. Per prima cosa, lo stampo di imbutitura viene analizzato per determinarne le curvature. Successivamente, il progettista crea il layout delle superfici e riempie le singole aree con superfici quadrangolari e superfici a n-angoli liberamente trimmate. In questo modo si possono ottenere molto velocemente i modelli di superficie desiderati.

    Nella costruzione di modelli di design

    Per le verifiche durante la ricerca della forma ideale

    Una volta realizzato il modello, le superfici CAD costituiscono la base di partenza per tutti i processi di progettazione e produzione successivi. Se il form finding viene eseguito con metodi di modellazione manuali, ad esempio con modelli di argilla, o se si tratta di componenti d'epoca o di oggetti d'arte, il modello CAD deve riprodurre gli oggetti reali il più fedelmente possibile.

    Il reverse engineering permette di coniugare il lavoro manuale con la tecnica di progettazione e di sfruttare i vantaggi dei due mondi. È così possibile ottenere con facilità superfici CAD corrispondenti ai modelli fisici esistenti. Scoprite di più sugli sviluppi tecnici realizzati in collaborazione con la divisione Design del gruppo BMW. Sono stati creati metodi affidabili per coniugare con la massima efficacia possibile lo sviluppo manuale delle forme e la progettazione virtuale.

    Il nuovo processo consente di produrre in modo veloce ed efficiente stampi esattamente identici tra loro in diverse sedi e stabilimenti. Lo abbiamo adottato in molti dei nostri stabilimenti in tutto il mondo – anche in Messico, questo processo ci permette di produrre gli stampi in modo molto semplice e standardizzato.

    Roland Schöbel, Volkswagen AG, Wolfsburg

    Usiamo Tebis da due anni e mezzo, e da allora abbiamo velocizzato i nostri progetti del 60%-70%.

    Christoph Schneeberger, Costruzione di utensili, MS-Design, Roppen, Austria

    Altri link

    Ottimizzazione automatica e manuale della qualità delle superfici CAD
    La qualità delle superfici CAD è il risultato delle caratteristiche algoritmiche dei sistemi CAD utilizzati, delle fasi di progettazione precedenti e dei processi di conversione eseguiti attraverso le interfacce. In molti casi, per la produzione di stampi plastica e stampi lamiera, è necessario acquisire e rielaborare dati CAD contenenti difetti qualitativi. Tebis facilita l’ottimizzazione...
    Maggiori informazioni
    Compensazione del ritorno elastico nel CAD

    Mentre la compensazione meccanica ottenuta attraverso la lucidatura dello stampo richiede tempi molto lunghi, la tecnologia di morphing globale delle superfici CAD consente di arrivare molto più velocemente alla geometria desiderata.

    Maggiori informazioni